07 Mag 2014

news-070514

Sfumato in extremis il programma nella Michelin Rally Cup il pilota della Pintarally Motorsport sarà comunque al via con una Renault Clio gruppo A.

Santa Giustina (Bl), 07 Maggio 2014 – L’ultima apparizione con l’intramontabile trazione anteriore transalpina risale al 2010 quando, sulle strade amiche del San Martino di Castrozza, arrivò una netta vittoria tra le vetture di omologazione scaduta.
Per Devis Ravanelli il Bellunese che bussa oramai alla porta sarà l’occasione per ritrovare la Renault Clio gruppo A in una delle gare più apprezzate dell’intero panorama triveneto.

“È da parecchio tempo che desideravo partecipare a questo appuntamento” – racconta Ravanelli – “ma per vari motivi non sono mai riuscito a presentarmi al via. Quest’anno avevamo lavorato molto assieme alla Pintarally Motorsport per mettere in piedi il programma nella Michelin Rally Cup ma, seppur ci sia sfuggito l’obiettivo di mano, abbiamo comunque deciso di prendere parte al Bellunese che mi ha sempre affascinato molto”.

Saranno le tre prove di Lentiai, Cesio e Valmorel, da ripetere per tre volte ciascuna, a comporre il mosaico di un percorso di gara molto selettivo per un totale di nove tratti cronometrati.
A dividere l’abitacolo della Clio gruppo A, gestita sul campo dal funambolico De Luna, ci sarà una “new entry” in rosa, Jenny Maddalozzo, con la quale Ravanelli ha già avuto una prima presa di contatto decisamente positiva.

“Ho cercato la collaborazione con Jenny già nel 2013” – aggiunge Ravanelli – “ma purtroppo nelle uscite che avevamo programmato lei era già impegnata. Sono davvero molto contento che quest’anno, a partire dal Bellunese, riusciremo a creare questa sinergia. Abbiamo già effettuato qualche test assieme ed il feeling che si è instaurato mi rende molto tranquillo in attesa dello start della prima prova speciale di questa nuova annata”.

Dopo aver disputato nella passata stagione il San Martino di Castrozza ed il Bassano alla guida dell’Opel Corsa Gsi gruppo A della Clacson Motorsport i primi chilometri di gara saranno sicuramente sacrificati per riprendere le misure alla Clio cercando di limitare il più possibile il passivo per non perdere in anticipo il treno dei primi.
Nel mirino del pilota trentino infatti non vi è solo il Bellunese in quanto il programma spot prevede anche la partecipazione alla gara di casa, il San Martino di Castrozza, con un’opzione possibile per una trasferta su fondo sterrato a fine 2014.

“Per il momento siamo concentrati sul Bellunese” – conclude Ravanelli – “ma non nascondo che puntiamo ad essere al via del San Martino di Castrozza e se, strada facendo, il budget ce lo permetterà cercheremo di toglierci la soddisfazione di provare un rally su sterrato. Ma al momento è prematuro parlarne. Ora dobbiamo concentrarci al massimo per questo weekend”.